• twitter
  • facebook
  • google
  • rss

Gioiosi Eventi

di Cristina Ferri
Via del casale Giuliani, 70
00141 Roma
C.F. FRRCST71S53H501D

P.IVA 12945171002
info@gioiosieventi.it
gioiosieventi@pec.it

Non tutti sanno che...

La parola matrimonio deriva dal latino...

matrimonium ossia dall'unione di due parole latine, mater, madre, genitrice e munus, compito, dovere; il matrimonium era nel diritto romano un compito della madre, intendendosi il matrimonio come un legame che rendeva legittimi i figli nati dall'unione. Analogamente la parola patrimonium indicava il compito del padre di provvedere al sostentamento della famiglia. In ogni caso, l'utilizzo del termine con riferimento all'unione nuziale si sviluppò con il diritto romano nel quale si diede riconoscimento e corpo al complesso delle situazioni socio-patrimoniali legate al matrimonium.

Lanciare riso agli sposi è un augurio di amore e prosperità

La tradizione nasce da una legenda cinese: Un genio buono, nel vedere i contadini affamati e stremati da una lunga carestia, si impietosì tanto da sacrificare i propri denti, gettandoli in una palude. Dopo alcuni mesi, migliaia di piccole piante di riso germogliarono nell’acqua. A quel giorno si deve il detto che dove c’è riso, c’è abbondanza.

Le regole che una sposa non può ignorare

Tradizione dell’età vittoriana (Something old, something new, something borrowed, something blue) vuole che la sposa debba indossare
qualcosa di vecchio, in rispetto alla tradizione e per evidenziare il legame con la propria famiglia di origine e, dunque, con le esperienze vissute prima di sposarsi;
qualcosa di nuovo, come proiezione verso il futuro;
qualcosa di prestato, come simbolo della felicità di un’altra sposa;
qualcosa di blu, che secondo un’antica credenza rappresenta purezza e fedeltà.